english italiano
HOME
-
L'AZIENDA
-
COLLEZIONI
-
TILES
-
LAVORAZIONI
-
SHOPPING
-
CONTATTI
Facebook

  AZIENDA
L'AZIENDA
Secondo le testimonianze, la famiglia Mari affonda le proprie origini nel sedicesimo secolo e già nel diciottesimo un tal Giuseppe Mari da Diruta possedeva una fornace proprio vicino alla parte della città chiamata "Il cerro".
E' comunque negli anni trenta che tre fratelli, insieme con il cognato, hanno l'idea di unire le proprie forze per dare vita alla Ditta Fratelli Mari & C.: il 1932 è l'anno dell'inizio ufficiale della produzione.
Nel corso degli anni, grazie soprattutto al lavoro dei fondatori e dei loro successori, ma anche grazie all'impegno di artisti di talento del luogo, l'Azienda ha reso conosciuto il suo nome nel mondo ed ha vinto riconoscimenti a diverse manifestazioni e gare. Oggi la ditta F.lli Mari è una delle più antiche e prestigiose di Deruta e la sua collezione include una vasta gamma di prodotti, classificati come: articoli da regalo, complementi d'arredo e articoli per la tavola.
La ricerca di forme tradizionali, con la loro bellezza senza tempo, costituisce una parte molto importante del nostro lavoro e fa di noi uno dei migliori esempi della tradizione maiolica.
L'ARTE
Nella nostra azienda potrete vedere il ciclo completo della ceramica, infatti tutti i nostri prodotti sono interamente realizzati a mano, in tutte le loro fasi.
A seconda dei modelli che devono essere realizzati, si adottano diversi metodi di lavoro. Tutto ciò che è cilindrico viene lavorato al tornio manuale, le altre forme vengono stampate in calchi di gesso su cui si preme l'argilla.
In seguito, si lascia l'oggetto creato in argilla fresca ad asciugare per circa una settimana e si eseguono i ritocchi finali (ad esempio si attaccano i manici).
Dopo circa due settimane l'oggetto è pronto per essere cotto per la prima volta ad una temperatura di circa mille gradi centigradi. Il risultato finale di questa prima cottura è ciò che noi chiamiamo "Biscotto".
La fase successiva è la smaltatura, cioè il momento in cui l'oggetto viene immerso in un bagno di smalto che costituisce la base della pittura.
Dopo circa 24 ore durante le quali si lascia l'oggetto ad asciugare, è ora pronto per essere dipinto. Prima di passare alla colorazione vera e propria, viene trasferito sull'oggetto il disegno grazie a ciò che si chiama "spolvero" che permette di lasciare le tracce per eseguire quanto meno le bordature del disegno. Quando con un pennello finissimo sono state eseguite queste bordature, si passa alla colorazione.
L'oggetto dipinto viene a questo punto spruzzato con della cristallina, una sostanza non tossica che rende i colori brillanti e l'oggetto resistente.
Una volta spruzzato l'oggetto è pronto per l'ultima fase: la seconda cottura a circa 900/950 gradi, durante la quale i colori e la cristallina si fondono e donano all'oggetto il lustro tipico della maiolica autentica.
LA STORIA
Sebbene i documenti ufficiali dimostrino che a Deruta si fabbricano ceramiche sin dal tredicesimo secolo, ci sono motivi di ritenere che l'inizio di tale attività sia da datare quanto meno un secolo prima. Comunque alla fine del tredicesimo secolo Deruta aveva prodotto ceramiche tanto da poter pagare le tasse impostegli da Perugia in vasi invece di denaro.
Alla fine del quattordicesimo secolo, Deruta aveva pertanto assunto un ruolo di produttrice "regionale" ed era divenuta, per così dire, esportatrice.
Secondo le testimonianze infatti, già nel 1358 Deruta aveva esportato oltre mille vasi ad Assisi, patria di San Francesco, luogo in cui era abbondante il bisogno di articoli per la tavola e di souvenirs per i pellegrini venuti a visitare la tomba del Santo.
Il periodo più ricco per Deruta fu senza dubbio il sedicesimo secolo, quando i suoi artigiani parteciparono, sebbene di riflesso, al clima di rivoluzione artistica e culturale del Rinascimento.
È proprio in questo periodo che diviene popolare il famoso decoro Raffaellesco, simbolo della produzione derutese. Il termine raffaellesco deriva da una delle grandi stelle del Rinascimento: Raffaello. Agli inizi del secolo, Raffaello dipinse una serie di affreschi a decorazione di una Loggia nel Vaticano e alcuni dei suoi motivi sono "grotteschi": una fantastica composizione di piante, animali ed uomini. I ceramisti derutesi, seppur non avendo visto di persona tali affreschi, ne furono a conoscenza grazie a stampe ed i motivi grotteschi presero vita nelle loro ceramiche.
Dalla fine del diciassettesimo secolo al diciannovesimo secolo Deruta risentì della generale crisi politica ed economica ed anche della crescita di competizione da parte di altri luoghi di produzione, quali ad esempio Castelli d'Abruzzo.
Occorre attendere fino alla seconda metà del diciannovesimo secolo per assistere al rifiorire dell'interesse per la maiolica "rinascimentale" e quindi derutese.


Lavorazione Design Tiles


F.LLI MARI MAIOLICHE SRL :: P.IVA 03106070547
Via dell'Artigianato, 14 :: 06053 Deruta - PERUGIA :: Tel. e Fax. 075.97.11.131 :: info@marideruta.com ::
U.S.A. contact: Cynthia Baginski :: office 440.899.8644 :: fax 440.201.7477